mercoledì 14 giugno 2017

Son giorni pieni. Sono emozioni.

Ultimamente ho scritto poco, su questo spazio virtuale.
Un po' per la stanchezza da fine gravidanza, un po' perché impegnata in un infinito (e spesso frustrante) giro di visite ed esami medici, un po' perché, semplicemente, non mi veniva spontaneo farlo.

Questa sera, però, ho voglia di raccontare.
Sono stati giorni pieni.
Paure e timori per la gravidanza, perché più la scadenza si avvicina più aumenta l'ansia che qualcosa possa andare storto e l'insonnia, che non mi dà alcuna tregua, aggrava la situazione.

C'è stato il mio compleanno, 35 anni. Purtroppo non l'ho festeggiato in alcun modo, anche se sono stati tanti i messaggi di auguri ricevuti, che mi hanno scaldato il cuore e fatto sentire amata.
Però un po' di frustrazione per questa mancata celebrazione di quella che e comunque una ricorrenza annuale importante, non posso nascondere che ci sia.



C'è stata la famosa recita di fine anno ed i preparativi per essa.
Correndo, sono riuscita a vederne una parte, compresa la consegna dei "diplomi". 
Non ho pianto, ho provato però tanto orgoglio per il mio bambino e tanta commozione per questa tappa che sta per finire.
Quelle mura, la routine degli ultimi tre anni, il bel rapporto con le maestre, la confidenza con le altre madri, i lavoretti...mi mancheranno tanto, già lo so.
Si apre un nuovo percorso, in cui il rapporto genitori - insegnanti sarà più formale, più lontano, in cui il ricciolino non conoscerà praticamente nessuno, in cui cambierà tutto, per lui.
E se da un lato lo vedo pronto ed entusiasta, dall'altra non posso non portare un pizzico di dispiacere, al pensiero delle ore di gioco spensierato che perderà, alle generose e vulcaniche maestre che lascerà.
Perché se non sempre è stato tutto idilliaco, è innegabile che siamo stati fortunati e che io mi sia affezionata quasi quanto lui a queste maestre!

E poi questa sera.
Sono stata alla riunione informativa per la scuola primaria e, seduta su una seggiolino, davanti ad un banchetto verde, innanzi a cattedra e lavagne, mi sono sentita sperduta per lui.
Mi ha fatto effetto pensarlo lì, fermo per tante ore, con la sua timidezza iniziale e curiosità insaziabile, lui che non sta fermo neppure mentre dorme, mangia o si lava i denti!
Compiti, libri di testo, quaderni, materie...mi sembra tutto così inadatto, ancora, al mio bambino!
Ed invece è quello che lui aspetta, che desidera. Crescere, proiettato nel futuro, come solo i bimbi sanno essere.
Mentre io, da mamma, arranco.

Semplicemente, emozioni.