venerdì 3 ottobre 2014

"La casa nel bosco" e "Yoga per mamma e bambino"

"La casa nel bosco" di Gianrico e Francesco Carofiglio, ed. Rizzoli, pag. 185
Due fratelli, i due autori, si trovano costretti a sgomberare la casa dove, per tutta la loro infanzia, trascorrevano i mesi estivi con i genitori.
Ormai la vendita e' conclusa e la questione non è più rimandabile.
L' incombente costituisce l'occasione per stare un po' insieme, per ricordare tanti episodi apparentemente banali di una infanzia comune, resi però unici dal fatto di essere i ricordi della LORO infanzia.
E forse, alla fine, sarà anche l'occasione per conoscersi/ riscoprirsi, trovando di nuovo quella intimità e quel legame che li aveva legati da bambini.
Una narrazione a due voci tutta incentrata sui dialoghi, che smuove i ricordi di ciascuno di noi, con frequenti richiami agli odori ed ai sapori della terra dei protagonisti.
Il cibo, infatti, fa un po' da filo conduttore della narrazione, tanto che il romanzo si conclude con le ricette, appartenenti alla tradizione popolare o familiare dei protagonisti, di "sette primi piatti per sette giorni".
Un libro breve, che si legge in fretta e che, in qualche modo, lascia qualcosa, forse soltanto per la sua forza evocativa di ricordi personali, anche se non l'ho trovato all'altezza della serie dell'Avvocato Guerrieri ne' de "Il bordo vertiginoso delle cose", di cui avevo già parlato.
Insomma, consigliato solo se non nutrite grandi aspettative o vi serve un pretesto per un tuffo nostalgico nell'estate della vostra infanzia.
****
"Yoga per mamma e bambino" di Francois B. Freedman, ed. Il castello
Per restare in tema con il post di ieri , torno a parlare di yoga.
Anzi, di libri sullo yoga che consentono a noi mamme di coinvolgere anche i nostri bimbi, trasformando lo yoga in una occasione per stare insieme, stare bene e divertirsi.
Dopo il libro Illustrato di qualche tempo fa, Yoganimo , ho scovato in biblioteca questo "manuale", adatto sia ai bimbi piccolissimi (per aiutare le loro mamme a rilassarmi e ritrovare elasticità), sia ai più grandicelli (secondo me, anche oltre i tre anni indicati), con posizioni più complesse e impegnative (ma sempre a portata di bimbo).


Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di Home Made Mamma